25 aprile – San Lorenzo Antifascista

25Apr_2019_LRSL_tinaxgiornale-01

Anche quest’anno in piazza e per le strade di San Lorenzo si festeggia la Resistenza e la Liberazione: resisti, ricorda, libera!

Programma

Ore 13,30 – piazza dei Sanniti
Pranzo popolare a cura di Fattoria 42,

Ore 16 – in quartiere
Passeggiata collettiva nel quartiere, omaggio alle targhe dei partigiani e ai luoghi della memoria di San Lorenzo,

Ore ore 17 – Nuovo Cinema Palazzo, piazza dei Sanniti 9a.
Consegna del Premio per la memoriastica del Concorso letterario “Giacomo Ferrari” sul tema “La Resistenza e Le Resistenze”. Interverrano i premiati:
Mario Fiorentini, partigiano, comandante dei Gap a Roma, autore di “Sette mesi di guerriglia urbana”, Odradek Edizioni.
Davide Grasso, combattente YPG in Siria,  autore di “Hevalen”, Edizioni Alegre.
Proiezione di spezzoni del film “Con i partigiani sull’Appennino parmense” (di M. Cantoni, 1944-45, 18min. a colori) e, in anteprima, di “Le ragazze della rivoluzione” sulle donne curde che hanno combattuto l’ISIS
a cura di ANPI San Lorenzo, Fondazione – Archivio Storico Bocchi, ANPI Roma

Ore 21,30 – Nuovo Cinema Palazzo, piazza dei Sanniti 9a.
Banda Jorona in concerto: in formazione più che completa (sestetto!) Banda Jorona presenta il novo album “Io so’ me” e il repertorio della Resistenza

SAN LORENZO E’ ANTIFASCISTA!

Sono passati 5 mesi da quel maledetto 19 Ottobre in cui è giunta la notizia della morte di Desirée Mariottini. Una morte figlia dell’abbandono in cui è stato lasciato il nostro quartiere e della totale incuria delle istituzioni verso situazioni di profondo disagio e marginalità sociale, in un momento storico in cui soffia sempre più forte il vento dell’individualismo, della guerra tutti contro tutti, dell’odio.
Immediatamente, gli sciacalli si sono lanciati sul nostro quartiere, ancora una volta speculando sulla tragedia di un femminicidio. E sono stati respinti dalla nostra comunità, unita e decisa a difendere i valori di solidarietà ed accoglienza che da sempre contraddistinguono San Lorenzo. E’ stato respinto il Ministro Salvini, sono stati respinti i fascisti di Forza Nuova. Abbiamo alzato la testa, comprendendo la portata dell’attacco che l’estrema destra stava portando contro il nostro territorio e contro la sua storia ed identità.
Sono stati 5 mesi vissuti pericolosamente, in cui istituzioni e media non hanno fatto altro che ricalcare i tratti più brutti di San Lorenzo, mettere in risalto squallide minoranze che nulla hanno a che vedere con la nostra comunità, rimestare nel fango in cerca della storia di cronaca nera da sbattere in prima pagina.
Ma in questi 5 mesi c’è stato tanto altro. C’è stata la reazione immediata che ha portato centinaia di persone a sfilare per San Lorenzo contro i femminicidi e contro i rigurgiti fascisti. C’è stata la dignità di una comunità che ha deciso di prendersi cura del proprio territorio e proporre alternative alle politiche securitarie e repressive imposte a San Lorenzo in questo periodo. Cultura, socialità, vitalità sono il miglior antidoto all’insicurezza. Ci sono state decine di iniziative, cittadini e cittadine che si sono attivati nel quartiere, messi in rete, confrontati senza cascare nella trappola delle risposte autoritarie e della restrizione degli spazi di democrazia e movimento come risposta di fronte ai problemi che il quartiere vive.
Questa ricchezza, questa vivace comunità fatta di tante diversità che si compongono intorno a percorsi ed idee comuni, festeggerà il 25 Aprile a San Lorenzo, per riaffermare ancora una volta la natura intimamente antifascista, antisessista ed antirazzista di questo territorio. Per difenderne una storia fatta di lotte e resistenza. Per continuare a costruire reti solidali, momenti di condivisione e scambio di idee ed esperienze, per continuare a prenderci carico di San Lorenzo e del suo futuro, senza delegare ai politicanti ed agli sciacalli di turno.

Con Tina Costa nel cuore!

Commenti

  1. aldo 15 aprile 2019 at 9:25

    se bisogna prenotare il pranzo del 25 aprile, MI PRENOTO per due persone. GRAZIE COMPA’

    • libera 17 aprile 2019 at 14:05

      Non bisogna prenotare, ci vediamo il 25!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Nome *
Email *
Sito web